Kocani Orkestar

Gypsy Brass Band
A Richiesta 

La Koçani Orkestar proviene dalla città di ... Koçani ed è stato fondata dal trombettista Naat Veliov. La potente brass band macedone ha colto di sorpresa il mondo occidentale nel 1997 con il loro album "L'Orient est rouge", con un repertorio originale che si basava sui brani degli zingari di varie parti dei Balcani e sui ritmi turchi / bulgari, con una spruzzata di sapore latino. Lo stile fragoroso del marchio della band divenne presto molto popolare: la loro potente sezione ritmica (batterista + quattro tube), i loro solisti appassionati e la pura eccitazione dei loro ritmi avrebbero portato qualsiasi pubblico a entrare nella danza ... nonostante il fatto che Koçani Orkestar usasse molti asimmetrici ritmi, quei segni del tempo 7/8 o 9/8 talvolta chiamati "Aksak" nella musica tradizionale turca. 
 Le bande di ottoni orientali sono una specialità zingara in tutta la regione dei Balcani, dalla Serbia alla Macedonia. Queste bande di ottoni furono create nel XIX secolo, a imitazione delle bande di ottoni militari dei giannizzeri turchi. Il suono delle bande di ottoni orientali è stato introdotto in gran parte del pubblico occidentale dal film "Underground" di Emir Kusturica. La Koçani Orkestar è stata anche sponsorizzata da diversi artisti come Balkan Beat Box e Cibelle, e ha avuto brani remixati / reinterpretati da artisti di spicco nel campo della musica mondiale, elettronica e rock (da Señor Coconut, Animal Collective, Lightning Head e Susheela Raman a Mercan Dede, Smadj e Buscemi), tutto ciò li ha aiutati a guadagnare un pubblico più ampio, così come l'inclusione di una delle loro tracce nella colonna sonora del film Borat.
L'ultimo album della Koçani Orkestar è "The Ravished Bride". Contiene canzoni d'amore romantiche ed epiche che esplorano nuove direzioni nel pop balcanico e una serie di emozionanti brani strumentali che si inclinano verso quelli che potrebbero essere descritti come temi dei film di spionaggio degli anni '60 o musica da surf. La Koçani Orkestar si è esibita in molti importanti festival di musica mondiale in tutto il mondo. Hanno collaborato con il cantante italiano Vinicio Capossella, con il trombettista jazz Paolo Fresu, e con Taraf de Haïdouks, che li hanno invitati a Bucarest per esibirsi nel loro album dal vivo di Band Of Gypsies. 
La Kocani Orkestar offre interpretazioni originali del repertorio tradizionale. Presenta una certa modernità evitando la trappola di un arrangiamento in chiave jazz della musica balcanica che, attraverso i musicisti rom, conserva risolutamente la sua origine orientale.